giovedì 23 maggio 2013

CASETTA DEGLI ALPINI

Il settore si sviluppa intorno ai tornanti dopo il lago Boazzo fino ad arrivare alla casetta degli alpini prima del ponte sul Chiese.



Uno dei primi blocchi si trova al penultimo tornante, si parcheggia comodamente sulla destra e si prosegue a piedi dietro il tornante per trovarlo .
Questa linea l'ho pulita con Amos l'inverno scorso (forse c'è ancora la fissa sopra per pulire bene l'uscita ) ma non siamo riusciti a liberarlo; si parte da seduti con delle piccole liste in partenza e un dinaico per arrivare ad una presa buona da dove poi si esce ( expo ).
Difronte c'è un'altro bel blocco ancora da pulire ( averci il tempo !!! )












Proseguendo sulla strada lungo il tornante,finito il muro sulla destra, si sale ritornando indietro sopra il muro e si trova il sasso di KING OF NUTRIA .
 Questo blocco l'ho pulito 5/6 anni fa' e mi ricordo di averlo trovato per caso mentre giravo, nascosto com'era nella vegetazione.
La prima volta andai a provarlo con Manuel e Gandolfo e naturalmente la prima libera fu proprio di Ale.
Bellissimi entrambi peccato che la linea di sinistra rimanga spesso bagnata nella fessura.




Sulla destra c'è KAMIKAZE 7a con la partenza da in piedi, da seduto è ancora da liberare anche se un po' forzata.
Ritornando sulla strada in alto a destra si vede un evidente prua che avevo provato i primi
anni poi abbandonata perchè mi sembrava troppo dura, probabilmente è stata riprovata perchè alla base ci sono un pò di legni per l'atterraggio e ci sono un pò di segni di magnesite (magari è stata anche liberata)







Superato l'ultimo tornante si arriva sulla retta che porta in fondo alla casetta degli alpini,
si può parcheggiare lungo la strada o davanti alla baita.
Sulla destra sotto la strada si trovano nel bosco un bel sasso con due linee facili ed uno con tre linee molto belle
e di difficoltà diverse,ottimo per riscaldarsi - cucinarsi - distruggersi !!
Nel bosco proseguendo verso il fiume si arriva ad un dirupo che guarda su un enorme masso accanto all'acqua. Si può scendere da lì o fare il giro da un pò più avanti .
Sul lato destro del sasso c'è THE FISHMAN 7c/7c+ pulito e liberato dal solito Gandalf nel suo periodo di grazia che da seduto esce verso destra su piccole prese e difficile uscita, mentre dalla stessa partenza si può proseguire dritti per un blocco molto duro da liberare.
Si può provare solo quando il livello dell'acqua cala per evitare un bagno nel fiume.
Dietro, sullo stesso sasso, c'è una linea che con Amos ho pulito l'anno scorso prima della chiusura della strada ed una prua subito sopra pulita lo stesso giorno che però non siamo riusciti nemmeno a provare perchè incominciò a piovere.

Non sono di difficoltà estreme ma devono essere ancora provate.










Sulla sinistra della strada invece si concentrano la maggior parte dei blocchi.
I primi sono un evidente strapiombo con due linee molto belle.
Complimenti a chi l'ha pulito perchè gli deve essere costato molto lavoro visto che questo sasso era quasi nascosto per quanta vegetazione c'era su ,bravi !!                                                  Sopra, sulla sinistra, ci sono due vecchi progetti di Ale molto duri credo ancora da liberare ?
Poco dopo, all'altezza della strada sterrata che sale sulla sinistra, troviamo i blocchi più ripetuti della valle come NIMBUS 2000 - JAMES TONT
e se non sbaglio hanno liberato anche la linea di destra sullo stesso sasso.










Subito dietro c'è MATTI CON LE ALI, un bel 7b con partenza da seduti e una methode un pò
particolare,pulito 6 anni fà in compagnia di Amos,Manuel,Pippi (da questo il nome!!)










Sopra sulla destra un altro "must" come SWEET EMOTION,sasso pulito dal Tomasi, con le linee più dure sempre ad opera del Gandalf.Mi ricordo che una delle prime volte che incontrai Ale in valle,mentre io mi dannavo per fare SHREK lui si scaldava sul 7b ?- poi sul 7c ed infine sul' 8a  affianco, ovvio al primo tentativo !!
Tornando verso la strada c'è un sasso enorme con un progetto di Caminati e proprio sulla strada c'è PUTAIN PLATEAU,blocco pulito in autunno 2011 al mio rientro dopo l'infortunio.
Il blocco sembra facile ma la partenza inganna,mano destra sul piatto verticale e sinistra sulla lista verticale e i piedi ? Molto Fontainebleau.









Dopo 50 mt sulla sinistra ho pulito anche questa linea ma credo sia sicuramente dura,ma soprattutto un pò pericolosa visto la crepa evidente sotto al tetto.
Più avanti si arriva alla baita e se si prosegue sulla destra lungo il bordo del bosco si arriva ad una serie di sassi ottimi sia per riscaldarsi,sia per spaccarsi.
Sul sasso più grande ci sono linee di tutte le difficoltà,dal 6a al 7a

Dietro c'è anche una bella linea che parte da due rovesci sotto al tetto per uscire sulla destra (expo)
L'abbiamo provato un pò, anni fà, ma non siamo riusciti a farlo (oltretutto un rovescio ci si ruppe e diventò più dura la partenza) magari nel frattempo qualcuno l'ha liberato.
Subito sopra i primi due blocchi che ho pulito in Val Daone. Quel giorno ero partito per andare ad arrampicare con il Crifla e cominciammo a pulire questi due blocchi armati di rami per togliere il muschio e due spazzolini !
Da quel giorno cambiò il mio modo di guardare la valle,con lo sguardo sempre rivolto alla ricerca di nuove linee.
 EYMERICH 

SUPER CRIFLA













Salendo si trova uno dei blocchi più duri della valle con L'AVENIR e BIG BAMBOO SIT
Il primo liberato da Ale e il secondo da Caminati, bellissimi !
All'interno del bosco ci sono diverse linee che non ho menzionato semplicemente perchè la mia non vuole essere una guida completa ma vorrei mettere in evidenza i blocchi più belli e che meritano di essere saliti .

1 commento:

  1. Complimenti gran bella recensione e gran lavoro ;-)

    RispondiElimina